Isola di Biyadhoo – MALDIVE

Accedi per votare

 

“Una delle perle dell’Atollo di Malé”

Viaggio di coppia : dal 25/03/2019 al 02/04/2019

Volo Diretto: Milano Malpensa – Malé e ritorno (durata volo circa 9 /10  ore)

 

25/03/2019 – 26/03/2019

Partiamo alle ore 20,00 dall’aeroporto di Milano Malpensa con aereo della compagnia Neos. Questo sarà il nostro primo volo a lungo raggio che si rivelerà meno pesante di quello che temevamo, grazie allo schermo posto su ciascun sedile davanti al nostro, che permette di vedere film, fare giochi e seguire in tempo reale la nostra rotta di volo,  ed  agli approvvigionamenti che il personale di bordo distribuisce con cortesia e professionalità.

Quasi giunti  a destinazione, dall’aereo intravediamo i tanti bellissimi isolotti che già danno un’ idea del paradiso che andremo a visitare…

Arriviamo a Malé il 26 marzo alle ore 8.45 con circa 15 minuti in anticipo. (Qui siamo avanti di 4 ore: ora italiana 4.45).

Usciti dall’aeroporto, del personale del tour operator Eden Viaggi Margò ci indirizza presso una postazione dove prendono in consegna i nostri bagagli e immediatamente ci imbarcano su un motoscafo che ci porterà a destinazione in circa 40 minuti. Praticamente il molo è subito fuori l’aeroporto (a una ventina di metri) ed il mare  già lì  a dir poco stupendo!

Durante la traversata il mare è un po’ mosso e notiamo le occhiate dell’ equipaggio che ogni tanto ci controlla per assicurarsi che tutto vada bene..

A mano a mano che ci avviciniamo alla meta, quello che i nostri occhi vedono ci lascia a bocca aperta. Il mare assume gradazioni di colori mai viste prima e la folta vegetazione di palme e mangrovie di un verde incredibile,  spicca nel cielo azzurro.

Arrivati al Biyadhoo Island Resort  veniamo accolti con una delizioso benvenuto: una salvietta fresca imbevuta in una particolare fragranza (che scopriamo poi essere dell’acqua di colonia al limone) e una noce di cocco con una cannuccia per berne il gustoso contenuto.

Dopo la registrazione alla reception,  veniamo a accompagnati al nostro appartamento, la stanza n. 79, che si trova in una edificio posto nella zona ovest dell’isola.

 

Successivamente scopriamo essere alloggiati nella parte più bella dell’isola in quanto le spiagge sono più ampie e lunghe e le correnti marine sono meno pericolose rispetto alla restante parte.

Tutto intorno una folta vegetazione di palme e mangrovie..

In camera ci aspettano due sorprese: un letto grande da poterci stare anche in tre e sullo stesso, a decorare il tutto, dei bellissimi fiori rossi di hibiscus.

Intanto si sono fatte le 11 e decidiamo di disfare i bagagli più tardi per andare a vedere la bellissima spiaggia.

Le immagini parlano da sole!!!

 

Ci colpisce molto il caldo incredibile  38°C che perdura giorno e notte: infatti qui non esiste escursione termica tra giorno e notte; inoltre la fine sabbia bianchissima non scotta neanche nelle ore più calde del giorno!!!

All’inizio il fondale è  costituito in parte, da coralli frantumati e conchiglie.

L’ acqua bassa è molto calda ma poco più avanti incontra correnti di acqua fredda che la  rendono  tiepida e, subito dopo la barriera corallina, diventa decisamente frescolina.

Rimandiamo a domani lo snorkeling perché siamo troppo stanchi e non sarebbe prudente immergerci.

Dobbiamo affrettarci a rientrare in stanza per cambiarci e andare al ristorante. Il locale è  bello,  il personale è molto gentile ed ha sempre un sorriso per tutti!

Il tavolo a noi destinato riporta lo stesso numero della camera e quindi sarà a nostro esclusivo uso durante tutto il soggiorno. La cucina è prettamente maldiviana anche se non mancano alcuni primi piatti italiani. Il cibo è gustoso ma sono soprattutto i dolci  che ci hanno conquistati. Delle torte e mousse buonissime e irresistibili!!

Usciamo satolli e torniamo in spiaggia e lì crolliamo sui lettini, dalla stanchezza …ci svegliamo giusto in tempo per non perdere il tramonto.

Dopo aver osservato il sole perdersi all’orizzonte decidiamo di andare al bar della spiaggia per farci servire un cocktail a base di frutta tropicale dal gusto buonissimo ed un altro a base di menta e lime: una vera delizia!

Mentre rientriamo, una enorme foglia di palma si stacca dalla pianta da una altezza di circa 10/12 metri e precipita al suolo, fortunatamente solo sfiorandoci, ma lo spavento è stato tanto!
La sera al ristorante proviamo anche la cena. I dolci si confermano essere qualcosa di sublime e ci informano che volendo la sera si può cenare, ad un prezzo extra, anche in spiaggia.

Dopo aver cenato intraprendiamo una passeggiata fino al molo a vedere, seduti su un panchina dei pesci stecco e degli squaletti pinna nera ben illuminati dalla luce di alcuni lampioni. Qui soffia sempre un piacevole venticello.

27/03/2019

Giornata splendida rispetto a quella appena passata che si era rivelata un po’ foschiosa.

Il mare si presenta ai nostri occhi di un bellissimo color madreperla e poi di un intenso azzurro ed è con nostro grande stupore che scorgiamo poco distante da noi, uno splendido airone anch’esso  in contemplazione del mare; molto ben disposto a farsi fotografare è rimasto lì immobile per parecchio tempo fino all’arrivo di due turbolenti bambini, che spaventandolo, l’hanno fatto scappare.. Speriamo di poterlo rivedere nei prossimi giorni!

 

Siamo nuovamente fortunati ad incontrarlo  e ad avvicinarci a lui…


Oggi ci dedichiamo allo snorkeling finalmente!

Già dalla riva facciamo dei bellissimi incontri con dei pesci dagli incredibili colori:



Ecco un  buffo e tenero pesciolone!

Pochissimi metri e eccoci dentro ad un enorme acquario! Che emozione nuotare tra pesci di tante forme e colori.. e avventurarsi  nel  reef  dove subito oltre, il mare è  molto profondo (circa 30 metri)!

Ad un certo punto notiamo che il galleggiante della go- pro di colore giallo attirava i pesci dello stesso colore che si avvicinavano incuriositi all’obiettivo.

Nota dolente la presenza di pochissimi coralli e spugne..

 

Dopo ore a fare snorkeling, abbiamo realizzato di esserci dimenticati di indossare una maglia a protezione della schiena: usciti dall’acqua essa aveva già un evidente stacco di colore ..

Nel frattempo abbiamo fatto amicizia con una simpatica coppia lombarda (Marco e Laura) che ci rende partecipi delle loro avventure in giro per il mondo. E’ un piacere stare ad ascoltarli.
Ritorniamo in mare nel tardo pomeriggio (stavolta ci immergiamo con la maglietta) e siamo da subito circondati da banchi di pesci ….che meraviglia!
Usciamo dal mare  forzatamente causa brividi di freddo (in un’ acqua che nel tardo pomeriggio è un brodo, la dice lunga sul nostro tempo di permanenza) e decidiamo di fare una camminata fino a raggiungere un punto dove ci hanno segnalato che, verso sera poco prima del tramonto, tantissimi granchi di grosse dimensioni escono allo scoperto.

Di lì a poco un particolare pesce si avvicina a riva…

.. ma nessuna paura, sono degli innocui squali a pinna nera che misurano circa 70 cm.

Dopo aver cenato ci spostiamo nell’altro versante dell’isola dove una leggera brezza toglie un po’ di calura. Bastano poche decine metri per avere differenze anche rispetto alle correnti marine..oltre che ai venti..

L’ atollo è piccolo ed in pochissimo tempo lo si gira tutto a piedi..
Passiamo dalla reception per informarci circa le escursioni in programma nei prossimi giorni e scopriamo che solo per domani ne è prevista una. Domattina torneremo per prenotarla..
Ultimi cocktail della serata a base di cocco e Pina colada, una chiacchierata con Laura e Marco  ed ecco farsi già mezzanotte..
Un altro giorno è passato.. Ricco di emozioni e di profumi che emana questo atollo incredibile..

28/03/2019

Nel pomeriggio ore 14,00 partenza per l’isola di Guiraidhoo, un’isola di pescatori dove ad attenderci c’è una guida che parla un po’ italiano.

Nell’ isola sono presenti due moschee ma non è possibile entrarvi ma solo guardarle e fotografarle dall’esterno, alcune scuole primarie e due ospedali: uno di salute mentale e l’altro di medicina generale.

  

Le case sono molto colorate e le persone sono tutte sorridenti.

La guida, che si fa chiamare  Franco, ci racconta che il 26 dicembre 2004 hanno vista distrutta, a causa dello tsunami, metà isola e morirono quattro bambini per colpa dell’acqua alta entrata improvvisamente nelle loro case. Quando le acque di colpo si ritirarono, gli isolani intuirono che sarebbero stati nuovamente inondati e scapparono tutti verso il versante opposto dell’isola. Da li a poco, purtroppo, un’ onda anomala alta molti metri rase al suolo parte dell isola. Era la prima volta che si verificava questa calamità naturale.

Franco ci mostra un frutto di colore verdognolo molto particolare: bucandolo fuoriesce un liquido di colore giallo (simile al colore acrilico) che viene usato per dipingere e che una volta asciutto resta indelebile. Esistono altri frutti di altri colori dai quali si ricava il rosso il verde ecc..

Sull’isola troviamo anche dei frutti che sono simili, per l’ acquositá, al nostro melone…

…e l’albero del pane.

Tipiche panchine del posto a rete intrecciate.

Sono presenti anche interessanti negozi di souvenir, dove mercanteggiando si riescono a fare buoni acquisti.
La presenza delle zanzare in pieno giorno non ci ha lasciato in pace.. quindi è consigliato utilizzare un repellente.
La visita di un’ora e mezza è quasi finita e la nostra simpatica guida ci porta a sorpresa a vedere delle grandi razze che girano nel porticciolo in attesa dell’ arrivo dei pescatori.
Ci imbarchiamo mentre salutiamo Franco, che dal pontile, si sbraccia in saluti e ci manda baci e ritorniamo a Biyadhoo.

29/03/2019

Giornata trascorsa alternando ore di snorkeling a ore di sole. Già in acqua bassa incontriamo un bellissimo branco di pesci..

Poi, mentre passeggiamo, scorgiamo un’ altalena in mare e ritorniamo per un attimo bambini anche noi…

Poco distante scorgiamo ormeggiata, una imbarcazione tipica di questi luoghi che si chiama “dhoni“.

Questi invece sono dei bellissimi fiori presenti sull’isola.

 

30/03/2019

Oggi giornata di scirocco e la fauna marina pare risentirne: infatti è la prima volta da quando siamo arrivati, che notiamo una certa scarsità di pesci. Solitamente ogni piccolo scoglio è visitato da pesci ed anche nell’acqua bassa se ne possono vedere tanti.. ma oggi no..
Verso sera improvvisamente tutti i locali si adoperano ad accedere le candele per poi spegnere le luci per un’ ora. Scopriremo poi che tutto il mondo osserva l’Ora della Terra (Earth Hour) allo scopo di sensibilizzare circa i cambiamenti climatici, partendo dal risparmio di energia.
Chiaccherando con un isolano scopriamo che la sera, alla fine del molo, si possono osservare degli squali grigi molto grandi. Così curiosi andiamo a verificare e non restiamo delusi: intravediamo tante sagome di squali grigi lunghi 2-3 metri e l’emozione mista a paura quasi ci paralizza anche se ci hanno detto essere non pericolosi..

31/03/2019

Giornata interamente dedicata alle immersioni. Ci avventuriamo in un’altra parte dell ‘isola dove le correnti sono molto forti e si fa fatica a tornare a riva.  Notiamo molto spesso purtroppo che le imbarcazioni che trasportano gruppi di turisti che fanno snorkeling, ormeggiano molto vicine alla barriera corallina rischiando di danneggiarla e questo è davvero un peccato..

01/04/2019

Oggi è l’ultimo giorno e ci svegliamo di buon’ora per perlustrare ancora una volta l’intera isola (circa 20 minuti). Scattiamo altri video e foto e poi di nuovo in spiaggia.
Sembra quasi che Biyadhoo abbia deciso di volerci salutare nel migliore dei modi: il cielo ed il mare non mai sono stati così belli!!!
Poco lontano da noi alcuni bagnanti raccontano di aver visto una tartaruga ed una murena, mentre in lontananza noi scorgiamo due delfini. Che emozione!
Rientrati in stanza troviamo una lettera con gli orari di partenza del motoscafo prevista per le ore 8 di domani.
Dopo aver cenato al ristorante e salutato il personale che ci ha serviti e coccolati per tutta la settimana, ci ritroviamo con i nostri simpatici amici lombardi per ascoltare ancora, in questo Paradiso Maldiviano, le loro bellissime avventure di viaggiatori  e scambiarci i contatti per poterci poi risentire una volta rientrati in Italia.
Li salutiamo davvero a malincuore.. ma dobbiamo rientrare a fare le valigie perché domani dovremo svegliarci molto presto.
Arrivati in stanza scopriamo che, chi si è preso cura del nostro appartamento, ha voluto salutarci in un modo davvero speciale: adagiato sul letto troviamo un cigno fatto con degli asciugami e un cuore con tanti fiorellini a contornarlo!

Il personale è davvero speciale e siamo stati felici di aver conosciuto delle persone così dolci e vere!!

02/03/2019

Ore 6.30 la sveglia suona e ci vestiamo con calma e lasciamo le valigie come da indicazioni fuori dalla camera. Abbiamo giusto il tempo per fare una veloce colazione e ci avviamo alla reception per la consegna delle chiavi.
Controlliamo che i nostri bagagli partano con noi e eccoci riprendere la via del mare ..

Mentre vediamo l’ Isola di Biyadhoo  allontanarsi , le nostre gote si rigano di lacrime..

Grazie Isola dei sogni per averci fatto godere di tutte le tue bellezze!!!!!!!!

Informazioni utili

  • E’ vietato usare la maschera pieno facciale per motivi di sicurezza
  • Usare sempre  una crema solare ad alta protezione
  • Indossare pinne o scarpette di gomma per proteggere i piedi

 

Get involved!

Get Connected!

Un unico account, diverse funzionalità inerenti ai viaggi!

Commenta

No comments yet